Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

L’ I.T.C.G. "Vittorino D’Alessandro" nasce negli anni trenta per intuizione e iniziativa dell’avv. Vittorino D’Alessandro, originario di San Chirico Raparo, e attivo professionalmente presso il foro di Lagonegro.

La sua vasta e qualificata attività professionale gli consentì di utilizzare le sue amicizie in molti Comuni del circondario, sicché nell’anno scolastico 1935/36 fu istituito il 1° corso di Istituto Tecnico Commerciale Privato.

Non va dimenticato che in Lagonegro, già sede di Scuola Normale femminile, fino agli anni venti, in seguito alla riforma Gentile era già operante dagli anni trenta, l’Istituto Magistrale.

L’esigenza di fornire a studenti e professori strutture di servizio aveva spinto Vittorino D’Alessandro ad organizzare già nel 1933 un convitto maschile (Dante Alighieri) che, nei primi anni, ricevette impulso anche in virtù della collaborazione del Comune di Lagonegro, e del podestà dell’epoca ing. Gabola.

L’Istituto Tecnico, nacque, dunque, come scuola privata e soltanto nel dopoguerra, a partire dagli anni cinquanta ottenne il riconoscimento prima di "scuola legalmente riconosciuta" con sede di esami intermedi e finali e poi con decreto del Ministero P.I. di "scuola pubblica".

Intanto la frequenza dei corsi era cresciuta sia per la buona qualità dei docenti sia perché la struttura recettiva del Convitto era passata da via Tribunale, rivelatasi insufficiente a contenere il numero elevato di studenti, ad altra struttura di nuova costruzione, realizzata sul colle del Dragonara e tenacemente voluta dal figlio di Vittorino D’Alessandro, il dott. Celestino.

Negli anni sessanta, fu istituito il corso per geometri, che nacque come corso Statale, anche su richiesta dell’ Amministrazione Comunale dell’epoca.

Alla fine degli anni ottanta, con la diffusione delle nuove tecnologie informatiche, fu istituito il triennio per programmatori, a metà degli anni novanta , il corso commerciale amministrativo è stato sostituito dal corso I.G.E.A. (indirizzo giuridico economico aziendale), un tipo di sperimentazione che, partita dalle regioni del nord (Lombardia ed Emilia per impulso di aziende ed imprese sensibili alla innovazione) è stata estesa dal Ministero a tutti gli Istituti Commerciali ad indirizzo amministrativo, per la sua modernità di impostazione contenutistica, metodologica e didattica.

Nell’ultimo decennio l’I.T.C.G.P. ha subito profonde modificazioni sia per adeguarsi alle mutate esigenze della domanda formativa, sia per effetto delle innovazioni metodologiche didattiche e strumentali che si sono affermate nella scuola.

In linea col processo di autonomia e di sperimentazione è stata ampliata e arricchita l’offerta formativa del corso per Geometri, attraverso l’introduzione, nel biennio, di informatica e laboratorio attraverso l’inserimento nel triennio di una lingua straniera e di laboratori.

Oltre al convitto D’Alessandro,hanno esercitato un ruolo di attiva promozione la presenza in Lagonegro, di tre convitti il convitto maschile S. Nicola del prof. Salvatore Testa,il convitto femminile Mater Dei a cui si è aggiunto, negli anni sessanta, il convitto delle suore Elisabettine.

L’attività dei convitti, che nel tempo avevano ammodernato strutture ricettive e metodi di conduzione, rese possibile la frequenza a studenti provenienti da province distanti come Forlì, Ferrara, Torino; il bacino di utenza dell’ I.T.C. era molto ampio e comprendeva tutti i Comuni del Lagonegrese, fino a Terranova, si estendeva nella provincia di Matera, in Puglia, in Calabria, in Campania, quasi tutto il Vallo di Diano era servito da questa Scuola Tecnica; da Polla a Casalbuono due corse di treni erano,praticamente, riservate a studenti.

In seguito alla costruzione delle arterie stradali e alla velocizzazione dei trasporti su gomma, l’ambito di utenza si è andato riducendo ai tempi di percorrenza di 40’, 50’; va, inoltre, ricordato che l’istituzione di scuole di analogo indirizzo nel territorio del Circondario ha ridotto il bacino di utenza.

Negli anni novanta, tuttavia l’I.T.C.G.P. ha raggiunto le punte massime per numero di classi (50) e numero di iscritti (1222).

Va, inoltre, ricordato che fino al 1990 all’I.T.C.G. di Lagonegro è stata aggregata la sez. staccata di Viggianello (indirizzo Commerciale, con n. 170 alunni e n. 8 classi).

Caratteristica dell’Istituto è stato il costante adeguarsi alle mutate esigenze della società e ai bisogni formativi del territorio.

Ciò è avvenuto soprattutto nell’ultimo decennio, quando si sono verificati alcuni interventi sulla struttura ricettiva e il numero delle classi è progressivamente diminuito.

A seguito del terremoto del 1980 la struttura di via Napoli è stata parzialmente ampliata e rinnovata, anche se in quella occasione non fu possibile procedere alla sopraelevazione che avrebbe consentito all’Istituto di mantenere la sua unità ricettiva e strutturale.

Negli anni novanta l’Amministrazione Provinciale di Potenza provvedeva alla costruzione della struttura di c/da Verneta, nei pressi dello svincolo autostradale di Lagonegro Sud dotata di spazi finalmente adeguati alle classi e ai laboratori.

Pur nel disagio derivante dalla permanenza della sez. staccata, la qualità del percorso formativo ha potuto giovarsi dell’utilizzo di moderni laboratori delle aule speciali (informatica, multimedia, lingua, costruzioni, topografia, trattamento testi, biblioteche, palestre, fisica, scienze della materia, videoteche).

                                                                                         PROGETTO GIFFONI FILM FESTIVAL

       

 

Albo on line

albo on line

 
 
Go to top